Il seminario in Appennino centrale mostra l’impatto economico positivo del rewilding

Ottobre 29, 2020

Tenutasi nel borgo di Pettorano sul Gizio, molti dei cui residenti stanno già sperimentando i benefici economici del rewilding, l’evento ha riunito imprenditori di tutta Italia.

I partecipanti al seminario posano per una foto con il team di Rewilding Apennines fuori dal castello di Pettorano sul Gizio.
Eugenio Auciello

 

Evento innovativo

Mayor and audience at the Rewilding Economy Seminar
Il seminario è stato aperto ufficialmente da Antonio Carrara, sindaco di Pettorano sul Gizio. Angela Tavone

Cos’è il rewilding e come può stimolare lo sviluppo economico? Queste le domande affrontate in un seminario pionieristico di quattro giorni sull’economia del rewilding che si è tenuto nella prima settimana di ottobre nel paese di Pettorano sul Gizio, nell’area rewilding dell’Appennino centrale.

Lo scopo del seminario, che è stato organizzato dal team di Rewilding Apennines e a cui hanno partecipato 10 imprenditori e volontari provenienti da tutto l’Appennino, era quello di introdurre il rewilding ai partecipanti, fornire loro le conoscenze per far progredire le proprie attività basate sulla natura e dimostrare come il rewilding può aiutare a rivitalizzare il profilo socioeconomico delle comunità rurali.

 

Programma all’avanguardia

Participants of the Rewilding Economy Seminar while walking in nature
I partecipanti al seminario hanno goduto di passeggiate e laboratori come parte di un programma variegato. Angela Tavone

I partecipanti al seminario hanno goduto di un programma vario. Ciò ha incluso le presentazioni introduttive del coordinatore dell’area Rewilding Europe Rob Stoneman e della Enterprise Manager Helena Newell, nonché tutti i membri del team di Rewilding Apennines, che hanno parlato di rewilding nell’Appennino centrale, lo sviluppo delle economie basate sulla natura nell’area, della convivenza uomo-fauna selvatica e delle strategie di comunicazione.

C’erano anche una serie di passeggiate, laboratori e presentazioni su argomenti come l’agroecologia, l’etnobotanica e i benefici essenziali che la natura offre alle persone.

“Una cosa che mi ha colpito di questo seminario sono state le informazioni aggiornate e le competenze offerte”, dice Dara Brodey, che viene da Milano ed è coinvolta nel lavoro per diverse ONG internazionali. “Ho imparato molto dai diversi argomenti relativi al rewilding che sono stati discussi. Coprivano tutto, dagli aspetti pratici e tecnici del rewilding e dalle economie basate sulla natura alla scienza e alla filosofia. La dedizione di tutte le persone coinvolte è stata davvero stimolante. ”

Anche Eugenio Vitto Massei, partecipante al seminario di Pettorano sul Gizio, è stato entusiasta.

“Anche se vivo qui, ho imparato molte cose nuove”, dice. “Ho un background economico, quindi acquisire una maggiore comprensione della natura selvaggia e del rewilding è stato molto importante. Di sicuro questa conoscenza guiderà le mie attività economiche d’ora in avanti”.

 

Promoting coexistence

Marsican brown bear (Ursus arctos marsicanus) feeding on buckthorn (Rhamnus alpina) berries on a mountain slope in summer. Central Apennines
Seguendo i principi di coesistenza delle migliori pratiche, le comunità Bear Smart riducono al minimo i potenziali conflitti con gli orsi bruni marsicani. Bruno D’Amicis / Rewilding Europe

Gli sforzi rewilding nell’Appennino centrale si sono finora concentrati in gran parte sulla tutela della popolazione di orsi bruni marsicani in via di estinzione. Pettorano sul Gizio, il paese che ha ospitato il seminario, nel 2015 è diventato la prima cosiddetta “Bear Smart Community” dell’Appennino centrale (attualmente sono tre).

Per essere classificate come “intelligenti”, le comunità Bear Smart – che sono tutte situate all’interno di corridoi della fauna selvatica sviluppati dal team di Rewilding Apennines – devono seguire i principi di coesistenza delle migliori pratiche e impiegare una serie di misure per ridurre al minimo i potenziali conflitti con gli orsi, come l’installazione di recinzioni elettrificate e porte a prova di orso, la gestione dei rifiuti organici a prova di orso, l’installazione di segnaletica e catarifrangenti per prevenire incidenti stradali che coinvolgono gli orsi e il ripristino di frutteti abbandonati in montagna.

 

Rivitalizzazione della comunità

Houses under renovation to become wonderful nature tourism B&B, Central Apennines, Italy
Rewilding sta dando nuova vita alle comunità rurali dell’Appennino centrale. Staffan Widstrand

Situato al centro della Riserva Naturale Regionale Monte Genzana Alto Gizio, un vitale corridoio faunistico che collega il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e il Parco Nazionale della Majella, Pettorano sul Gizio è un borgo tipico tra i tanti piccoli insediamenti incastonati nelle pieghe del suggestivo paesaggio dell’Appennino centrale, che hanno sofferto di spopolamento rurale e di prospettive economiche difficili.

Garantire che le comunità traggano vantaggio economicamente dal ritorno della fauna selvatica è sempre stata parte integrante del processo di rewilding, poiché aiuta a promuovere ulteriormente la coesistenza e a generare ulteriore supporto per il rewilding. Pettorano sul Gizio esemplifica questa dinamica, con gli abitanti del paese che ospitano regolarmente i volontari del rewilding a lungo termine, così come i loro amici e familiari. Ciò fornisce un reddito inestimabile.

 

Un modello replicabile

Il rewilding sta gradualmente dando nuova vita alle comunità rurali dell’Appennino centrale. La sfida ora è continuare a spargere la voce e aumentare il suo impatto economico positivo.

“Il modello bear smart community è facilmente replicabile”, afferma Valerio Reale, Enterprise Officer di Rewilding Apennines.

“Dalla Scozia alla Germania, sempre più persone vengono a Pettorano sul Gizio per conoscere il nostro lavoro e aiutarci a sviluppare ulteriormente il concetto. Con il supporto entusiastico della popolazione locale, stiamo dimostrando che è possibile vivere insieme a grandi carnivori e altri animali selvatici, in modo pacifico e proficuo. A questo proposito, il rewilding sta giocando un ruolo sociale essenziale”.

Il team di Rewilding Apennines continuerà a dialogare con gli imprenditori e le iniziative rewilding, con un incontro dei membri italiani dell’European Rewilding Network previsto per i primi di novembre.

 

Estendere l’orizzonte

Thanks to Organic Basics
Il seminario Rewilding Economy è stato sponsorizzato dal marchio danese di abbigliamento sostenibile Organic Basics. Angela Tavone

Il seminario sull’economia del rewilding è stato sponsorizzato dal marchio danese di abbigliamento sostenibile Organic Basics, attraverso il Bear Fund recentemente istituito a sostegno delle Bear Smart Communities. Lo svolgimento del seminario ha raccolto circa 1500 euro (attraverso le quote pagate dai partecipanti) e una parte di questi verranno reimmessi nel fondo.

Circa due settimane prima che si tenesse il seminario, il team di Rewilding Apennines ha discusso di annullarlo a causa del Covid-19.

Valerio Reale è contento che abbiano deciso di andare avanti per organizzare l’evento. “La nostra ambizione è avviare un movimento di imprenditorialità rewilding e questo seminario è stato un passo avanti davvero positivo”, afferma. “Abbiamo supportato i partecipanti nella loro ambizione di sviluppare attività basate sulla natura. Ma oltre a questo, abbiamo innalzato il profilo del lavoro del team di Rewilding Apennines e dimostrato che il rewilding può prendersi cura delle persone oltre che della natura selvaggia. Questo approccio inclusivo si applica a tutte le aree operative di Rewilding Europe”.

 

Vuoi saperne di più?

 

  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.